lunedì 17 maggio 2010

SOOOOLO PER TE, LUCIIIIAAAAAAA...

Lasciamo qui sul blog i nostri affettuosissimi auguri per Lucia Mannucci (18 maggio 1920). E per renderle omaggio ecco qualche bellissimo ascolto:

I vecchi motivi
Lucia in una delle innumerevoli esecuzioni del periodo precedente all'ingresso nel Quartetto Cetra. Questa canzone, scritta da Virgilio Savona per la musica e Age (Agenore Incrocci) per il testo, è stata incisa da Lucia Mannucci nel 1944 accompagnata dall'Orchestra Kramer.



Adesso faccio la brava
Delizioso brano di Virgilio Savona su testo di Age (Agenore Incrocci) inciso da Lucia nel 1944 con l'accompagnamento dell'Orchestra Kramer. La Mannucci ancora non era entrata nel Quartetto Cetra, era in piena carriera da solista.



Le tue mani
Un grande classico della canzone italiana composto da Pino Spotti su testo di Machel Montano, lanciato da Jula de Palma. Lucia Mannucci lo incide nel 1951 con Franco Cerri.



No monsieur
Delizioso pezzo di Hubert Giraud (musica) e Franck Gérald (pseudonimo di Gérald Biessel) (testo originale) con testo italiano di Gippi (pseudonimo di Giuseppe Piccolo), interpretato in modo irresistibile da Lucia Mannucci e dagli altri Cetra nella trasmissione a loro dedicata Il teatrino del Quartetto Cetra andata in onda alla Rai nel 1964. L'autore del testo italiano secondo copyright è Gippi, anche se nella discografia ufficiale del Quartetto Cetra risulta essere Romano Zanotti
(fondatore del gruppo Los Machucambos che ha effettivamente interpretato questo brano ma nella versione francese). Se qualcuno ha notizie sicure potrebbe chiarire questo nostro dubbio?



Le tue mani
Lucia Mannucci da sola nel classico Le tue mani di Pino Spotti su testo di Machel Montani. Tratto dalla trasmissione Rai del 1970 Jolly.



I'm on my way
Lucia Mannucci solista con gli uomini del quartetto nello spiritual lanciato internazionalmente da Mahalia Jackson. Tratto dalla trasmissione Rai del 1970 Jolly.



They can't take that away from me
Lucia Mannucci solista, con gli uomini del quartetto che la accompagnano con voci e strumenti, in un bellissimo standard di George e Ira Gershwin, scritto per il musical Shall we dance (1937), dove era interpretato da Fred Astaire. Da Studio Uno del 1961.

3 commenti:

  1. Tanti, tanti, tanti auguri alla splendida Lucia Mannucci anche da parte mia.

    "No Monsieur" è stupenda, ma personalmente adoro "I'm on my way". È una delle prime canzoni del Quartetto che sono riuscito a reperire dopo aver scoperto la passione per i Cetra. Devo dire che il modo in cui i tre uomini si fanno da parte per lasciare la scena a Lucia e alle sue qualità canore mi lascia sempre senza parole.

    RispondiElimina
  2. È vero che una caratteristica dei Cetri era quella di saper lasciare sempre spazio agli altri, senza mai volersi imporre come singoli se non quando lo prevedeva il contesto. Non ci risulta che ci siano mai stati scontri interni dovuti a motivi del genere, e si vede proprio! Ci permettiamo di dire che obiettivamente Lucia era la migliore dei quattro vocalmente parlando, quindi il ruolo di solista le stava veramente benissimo; ciò non toglie che ognuno avesse un proprio ruolo e soddisfazioni personali.

    P.s. Noi continuiamo a preferire "no monsieur" ;-)

    RispondiElimina
  3. (artigianali)
    adesso faccio la brava
    http://www.youtube.com/watch?v=RK0B4DW7vQw
    i vecchi motivi
    http://youtu.be/Jg4vuA72CU1g

    RispondiElimina

 
Web Analytics